La Viterbese ci ha provato, ma finisce con i fischi dei tifosi la partita contro l’Entella: 2-5 il risultato finale.

Di Valentino Cesarini.

L’Entella passa in scioltezza al Rocchi 5 a 2 e lascia all’ultimo posto la Viterbese. Una gara ricca di goal, emozioni e colpi di scena. Troppo più organizzata e più forte la squadra ligure di mister Gennaro Volpe, che ottiene l’ottavo risultato utile consecutivo, salendo a quota 29.

La Viterbese ci ha provato, ma purtroppo l’ennesima sconfitta, la decima in diciassette gare, lascia i gialloblù all’ultimo posto in solitaria con solo 11 punti. La zona play-out resta distante sempre due punti perché il Grosseto perde in casa, ma con questo atteggiamento la situazione è difficile da risolvere.

Francesco Punzi che deve fare a meno di Murilo e Calcagni non cambia modulo e si affida al solito 4-3-3: Errico vince il ballottaggio con Simonelli nel tridente offensivo, mentre Adopo prende posto in mediana. Sull’altra sponda Gennaro Volpe ne cambia solamente due rispetto alla vittoria con il Cesena: in porta va Paroni al posto di Borri e in difesa Pavic sostituisce Barlocco, nel 4-3-1-2. Partita sin dai primi minuti divertente con le due squadre che giocano a viso aperto. La prima azione degna di cronaca arriva al minuto 7’, quando Capello con un colpo di testa chiama Daga alla parata prodigiosa. Ma la Viterbese non ci sta e dopo una conclusione di Volpe deviata in angolo e un tiro di Urso bloccato a terra dal portiere, al minuto 12’ i gialloblu passano in vantaggio. Adopo scatta sul filo del fuorigioco e davanti a Paroni lo trafigge con un bel diagonale. Il centrocampista di colore sigla la sua prima rete stagionale e la seconda con la maglia della Viterbese. Il primo e unico centro risaliva allo scorso febbraio quando stese il Palermo. La reazione dei liguri è immediata e al minuto 16’ arriva il pareggio. Tocco con la mano in area di Urso e penalty fischiato dal Signor Giordano di Novara. Dal dischetto si presenta Lescano che spiazza Daga e fa 1 a 1. Dopo un avvio sprint la partita cala di emozioni, anche se l’intensità in mezzo al campo è alta, ma di azioni degne di cronaca non ne arrivano. Il primo tempo si chiude sul punteggio di 1 a 1.

Il secondo tempo della partita

Ripresa che si apre con i ritmi sempre abbastanza alti e con l’Entella che prova a prendere il controllo del gioco, anche se la prima conclusione è un tiro-cross di Volpicelli respinto con i pugni da Paroni. Sul capovolgimento è straordinaria la risposta di Daga sul tiro dalla distanza di Karic: il portiere vola e devia in angolo. Mister Volpe al 63’ effettua le prime due sostituzioni: fuori Capello e Lescano , dentro Magrassi e Morosini. Punzi invece perde per infortunio (problema al ginocchio destro) Martinelli e al suo posto entra l’olandese Van Der Velden. Pochi minuti dopo è il turno di Simonelli a prendere il posto di Errico. Ma al 70’ a sorpresa l’Entella passa in vantaggio con una magia di Magrassi. Lancio perfetto di Morosini, Magrassi fa rimbalzare la sfera e lascia partire un tiro che non lascia scampo a Daga. La reazione dei gialloblù, sospinti anche dal pubblico è immediata. Non passano nemmeno tre minuti e Volpicelli dall’interno dell’area trova il 2 a 2 con una bella conclusione che beffa Paroni. Il match è bellissimo, forse uno dei più belli visti al Rocchi negli ultimi tempi, e l’Entella al 75’ si riporta in vantaggio. Morosini all’interno dell’area riceve palla da Merkaj, si gira in un fazzoletto e beffa Daga per il 3 a 2. Due goal dei liguri che sono arrivati con due giocatori entrati dalla panchina. Il finale è al cardiopalma. La Viterbese prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo, l’Entella si difende con l’ingresso dell’esperto Matias Silvestre (ex Milan e Inter) e Paroni di rischi non ne corre fino al triplice fischio finale, anzi sono proprio i liguri a siglare prima il goal del 4 a 2 su calcio di rigore con capitan Paolucci all’ultimo minuto e poi nel recupero Magrassi tutto solo, scarta Daga e fissa il punteggio sul definitivo 5 a 2.

Finisce con i fischi dei tifosi della curva all’indirizzo di giocatori e società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *